var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

ULTIMA CENA - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

ULTIMA CENA














Venute le feste di Pasqua, Gesù riunì i suoi discepoli per la cena rituale.
Nel sedersi a tavola disse: << Ho desiderato fare questa Pasqua con voi prima di morire >>. Poi prese il pane, lo benedisse, lo spezzò e lo diede agli apostoli dicendo: << Prendete e mangiate: questo è il mio corpo >>. Prese poi il calice del vino, lo benedisse e: << Prendete e bevetene tutti – disse – perché questo è il mio sangue che sarà sparso per molti in remissione dei peccati >>.
Con queste parole, Gesù istituì il Sacramento dell’Eucarestia: in quel momento il suo corpo e il suo sangue, sotto le apparenze del pane e del vino, divenne cibo e bevanda delle anime.



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu