var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

Simbolo della Porta della Fede - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Simbolo della Porta della Fede


La "porta della fede" (cfr At 14,27) che introduce alla vita di comunione con Dio e permette l'ingresso nella sua Chiesa è sempre aperta per noi. E' possibile oltrepassare quella soglia quando la Parola di Dio viene annunciata e il cuore si lascia plasmare dalla grazia che trasforma. (Benedetto XVI, Porta Fidei n.1)


L’icona della "porta della fede"
, che ci accompagnerà in questo anno, rimanda alla porta delle pecore che è Cristo stesso (cfr. Gv 10,7). Attraverso quella porta, nel battesimo, siamo entrati a far parte del gregge del Buon Pastore, ma sempre attraverso quella porta siamo mandati per cercare la pecora smarrita e ricondurla all’ovile, con la stessa sollecitudine del Pastore. La porta della fede si attraversa sia in entrata che in uscita. In entrata, perché si è deciso di stare con il Signore per vivere con Lui. In uscita, perché la fede implica una testimonianza e un impegno pubblico. Il cristiano non può mai pensare che credere sia un fatto privato. Il Signore Risorto mentre introduce all’intimità della scelta personale della fede, costituisce immediatamente i credenti come testimoni della sua risurrezione. La fede ha sempre un risvolto sociale e non è mai un atto esclusivamente individuale, ma ecclesiale. Si crede nella e con la Chiesa diventando cosi sale che da sapore e città collocata sulla cima del monte perché sia ben visibile a tutti. Giustamente, il Papa invita le comunità parrocchiali e tutte le realtà ecclesiali a trovare il modo, in questo Anno, per rendere pubblica professione del Credo nelle chiese di tutto il mondo, davanti a tutte le creature; come anche il modo di riscoprire la gioia nel credere e di ritrovare l’entusiasmo nel comunicare la fede.   


(Moreno)

 
Torna ai contenuti | Torna al menu