var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

SIGNIFICATO DEL CATECHISMO - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

SIGNIFICATO DEL CATECHISMO


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Il Catechismo di Pio X è una sintesi della dottrina della Chiesa cattolica che papa Pio X richiese per la diocesi di Roma; è strutturato in domande brevi con relativa risposta. Il testo fu successivamente adottato in tutta Italia [1]
« - Chi è Dio?
- Dio è l'Essere perfettissimo, Signore del cielo e della terra. »

(Catechismo di San Pio X)

Descrizione dell'opera

Il catechismo di Pio X è conosciuto anche come Catechismo Maggiore, nell'edizione del lt 1905 [2], con 993 domande e risposte[3], e come Catechismo della dottrina cristiana nell'edizione del 1912, con 433 domande e risposte.[4] L'edizione ridotta (1930), dedicata in particolare a bambini e ragazzi, conteneva un minor numero di domande ed era a volte corredata di illustrazioni che sono rimaste nella memoria di due generazioni di italiani. Domande e risposte venivano normalmente fatte imparare a memoria durante la dottrina, pur contenendo a volte dei concetti difficili: l'idea che stava alla base di questo sistema di insegnamento è che memorizzare queste domande sarebbe tornato utile ai bambini una volta raggiunta l'età adulta, quando ne avrebbero compreso pienamente il significato.

Storia

Prima che San Pio X componesse i suoi vari catechismi, erano adottati altri catechismi: Dottrina cristiana breve e lt Dichiarazione più copiosa della dottrina cristiana, composti dall'illustre lt cardinale San Roberto Bellarmino, i quali furono per tre secoli i catechismi ufficiali della Chiesa Cattolica; il lt Catechismo del Concilio di Trento o Catechismo Tridentino e il catechismo di lt Pietro Canisio che apparve nel 1555 sotto il titolo Summa doctrinae christianae, fu pensato come una risposta a Martin Lutero e fu ristampato, soltanto nel periodo in cui Canisio visse, ben 200 volte.
Quella di Pio X è un'opera fatta realizzare elaborando un testo precedente, da lui scritto come metodo per l'insegnamento della dottrina ai ragazzi quando era ancora vescovo di Mantova, avendo a che fare principalmente con povera gente figlia di una società contadina. Va considerata quindi come un'opera figlia del suo tempo, studiata per essere compresa da una società dove ancora la cultura era poco diffusa.[5]
Nel 1956 è stato scritto un manuale per la comprensione del Catechismo, Spiegazione del Catechismo di San Pio X, utile come guida per i catechisti o per la formazione dottrinale delle persone di ogni età.[6] Dopo il Concilio Vaticano Secondo il Catechismo Maggiore cadde generalmente in disuso; a partire dagli anni settanta quindi il suo uso fu progressivamente abbandonato a favore di strumenti più recenti come il lt Catechismo della Chiesa Cattolica, pubblicato nel 1992.
Il Catechismo di Pio X oggi
Al giorno d'oggi il Catechismo di Pio X viene elevato da molti come uno dei simboli della vecchia Chiesa preconciliare; lt [7] e ne fanno l'uso più attivo i vari gruppi di cattolici tradizionalisti.
Nell'ambito di un'intervista rilasciata al mensile cattolico 30 Giorni nel 2003, il cardinale Joseph Ratzinger, futuro papa Benedetto XVI, dichiarò a proposito:

« La fede come tale è sempre identica. Quindi anche il Catechismo di san Pio X conserva sempre il suo valore. Può cambiare invece il modo di trasmettere i contenuti della fede. E quindi ci si può chiedere se il Catechismo di san Pio X possa in questo senso essere considerato ancora valido oggi. Credo che il Compendio che stiamo preparando possa rispondere al meglio alle esigenze di oggi. Ma questo non esclude che ci possano essere persone o gruppi di persone che si sentano più a loro agio col Catechismo di san Pio X. Non bisogna dimenticare che quel Catechismo derivava da un testo che era stato preparato dallo stesso Papa quando era vescovo di Mantova. Si trattava di un testo frutto dell’esperienza catechistica personale di Giuseppe Sarto e che aveva le caratteristiche di semplicità di esposizione e di profondità di contenuti. Anche per questo il Catechismo di san Pio X potrà avere anche in futuro degli amici. »


 
Torna ai contenuti | Torna al menu