var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

RISURREZIONE - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

RISURREZIONE


















Alcuni discepoli di Gesù ottennero da Pilato il permesso di dare sepoltura al loro divino Maestro. Il corpo di Gesù venne quindi staccato dalla croce e deposto in un sepolcro scavato nella viva roccia. Due soldati romani furono messi a guardia del santo sepolcro.
All’alba del terzo giorno, i soldati di guardia furono scossi da un tremendo boato: alla vista della tomba che si scoperchiava, essi fuggirono terrorizzati. Resuscitato da morte, il Figlio di Dio usciva dal sepolcro.
Quando furono informati che il sepolcro di Gesù era stato trovato vuoto, gli apostoli non seppero che cosa pensare. L’Apostolo Tommaso dichiarò di non voler credere alla resurrezione di Cristo se non lo avesse visto con i suoi occhi. E Gesù non volle lasciare nel dubbio i suoi apostoli: apparve più volte in mezzo a loro e mostrò anche le ferite delle mani, dei piedi e del costato per dimostrare che era veramente lui.    



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu