var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

RESTIAMO UNITI, SIAMO FIGLI DI DIO - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

RESTIAMO UNITI, SIAMO FIGLI DI DIO


Dentro il tempo.
Dentro il tempo passato.
Dentro il tempo presente.
Il tutto, proiettato nel futuro.

Le mani ruvide hanno preso il posto di quelle fragili, affusolate: quelle mani che hanno per lungo tempo fatto presa nella vita ma ora non riescono più a lavorare, ha sostenere la stessa vita.
Ogni piccolo pezzo del corpo umano è come un puzzle unito dalla vita, esso si degrada lentamente andando verso la fine della materia.

La pagina non finisce mai di essere scritta nella vita dell’uomo: quella pagina presa e illuminata da Dio, che la rende casta agli occhi suoi. Il corpo dell’uomo precede questa pagina; egli la rende visibile verso la fine del suo percorso, basta che abbia sempre creduto all’essere più perfetto e buono, “Dio”. L’uomo deve seguire un cammino pieno di difficoltà, ma di tanta speranza: ”La strada di Gesù”.

Vai: abbandona le tentazioni, lascia il mondo peccaminoso per seguire Gesù.
Vai: cerca la strada dove tutto è perfezione.
Vai: da Gesù: dove la tua immagine è luce riflessa nel suo amore.
Vai: dove non c’è il buio ma bensì la luce eterna.
Vai: fai sì che la tua anima sia di Gesù.
Gesù: vuole che tu viva per amore nella famiglia, perché anch’essa è la sua vita.

Gesù che si eleva sui potenti, li guarda con immenso dolore e perdona loro i peccati se gli chiedono perdono. La terra è la casa di Gesù e l’uomo a sua volta n’è l’amico e fratello dove lo Spirito Santo unisce per volontà del Padre che è nei cieli. Gesù domina con amore, va con il cuore verso l’uomo che lo chiama e, in quella vicinanza reale sa donare la Madre sua all’anima: sia dolce e buona, che ribelle. Egli desidera che l’uomo sia il totale completamento della sua volontà.

Quelle mani rugose sono la vecchia vita, la vita che oramai stanca cerca di chiudersi in quel giaciglio dove il calore è dato dall’amore di Dio.
L’uomo vecchio lascia la terra, ma se egli ha lasciato a Dio tutto nell’arco della sua esistenza: tanto gli sarà dato. Ogni pensiero, ogni azione, ogni parola ha dato il suo frutto. Un frutto iniziato con la chiamata di Dio verso l’uomo, che ha saputo ascoltarlo.

Se mai l’uomo decide di camminare senza la luce, guai a lui; è come penetrare in un tunnel senza sapere dove si va, in questo raccogliere ogni tipo di sporcizia, minando prima l’anima e poi il corpo.
I peccati gli si attaccano addosso e come sanguisughe estraggono l’essenza vitale e così l’uomo lentamente muore, facendo perdere ogni traccia e lasciando a Dio, cadere il capestro della condanna eterna.

Non c’è ascolto se l’uomo chiude a Dio.
Dio sa donare a quell’uomo che prima lo chiama e poi lo ascolta.

Uomo: “Solo con il silenzio e la perseveranza non cadrai; l’anima che è in te, è stata creata a tua misura. La terra vuole nascondere Gesù, la Madonna, Dio; non c’è volontà umana che potrà farlo.
Illusione, pura illusione: Gesù quando ha percorso la strada per andare verso la crocifissione già vedeva i mille e mille anni della storia dell’uomo, un futuro pieno di pericoli.

Uomo cerca di soddisfare la volontà di Gesù. Quanti attimi dolci poni al cuore di Gesù davanti al crocifisso? Non ci sono possibilità di salvarsi se non si vuol credere alla Sua Parola.
La sua realtà di Gesù é viva; il cuore di ogni persona è predisposto per aprire la porta e vederlo; vedere Dio, il Dio degli uomini       



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu