var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

PREGHIAMO PER TUTTI I PROTESTANTI-21gennaio - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PREGHIAMO PER TUTTI I PROTESTANTI-21gennaio


Intenzioni particolari - Affinché i protestanti siano sostenuti dallo Spirito Santo nella ricerca della pienezza della fede - Affinché comprendano che la Chiesa cattolica, sotto il governo del Papa e della Gerarchia, e la medesima Chiesa che nacque nel giorno della Pentecoste - Affinché essi, che come nei credono nella morte redentrice di Gesù, giungano anche a partecipare a tutti i sacramenti che ci comunicano la vita - Affinché riconoscano nel culto della Madonna uno sviluppo autentico del messaggio evangelico - Affinché il dialogo e la collaborazione tra protestanti e cattolici si svolgano felicemente.

Preghiamo. - Lettura biblica:

Isaia 53,2-12;

È cresciuto come un virgulto davanti a lui e come una radice in terra arida.
Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per provare in lui diletto.
Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia, era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima.
Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato.
Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità.
Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti.
Noi tutti eravamo sperduti come un gregge, ognuno di noi seguiva la sua strada; il Signore fece ricadere su di lui l’iniquità di noi tutti.
Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotta al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca.
Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo; chi si affligge per la sua sorte?
Si, fu eliminato dalla terra dei viventi, per l’iniquità del mio popolo fu percorso a morte.
Gli si diede sepoltura con gli empi, con il ricco fu il suo tumulo, sebbene non avesse commesso violenza né vi fosse inganno nella sua bocca.
Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori.
Quando offrirà se stesso in espiazione, vedrà una discendenza, vivrà a lungo, si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.
Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce e si sazierà della sua conoscenza; il giusto mio servo giustificherà molti, egli si addosserà la loro iniquità.
Perciò io gli darò in premio le moltitudini, dei potenti egli farà bottino, perché ha consegnato se stesso alla morte ed è stato annoverato fra gli empi, mentre egli portava il peccato di molti e intercedeva per i peccatori.

Giovanni 15,12-17.  

Questo è il mio comandamento:n che vi amiate gli uni e gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo; dare la vita per i nostri amici. Voi siete miei amici, se farete ciò che io vi comando. Non vi chiamo servi, perché il servi non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate a portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu