var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

PREGHIAMI PER L'UNITA' DI TUTTI I CRISTIANI-18 gennaio - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PREGHIAMI PER L'UNITA' DI TUTTI I CRISTIANI-18 gennaio


Intenzioni particolari - Affinché noi tutti ottoniamo il pentimento e il perdono dei nostri peccati - Affinché cresca l’amore fraterno per i cristiani separati - Affinché impariamo a stimare gli elementi cristiani da loro conservati, e l’opera in essi dello Spirito Santo - Affinché il Consiglio mondiale delle Chiese sappia dirigere i cristiani ad esso aderenti verso l’unità che Cristo vuole - Affinché la Chiesa Cattolica ad il Consiglio mondiale della Chiese possano collaborare efficacemente - Affinché cresca la nostra gratitudine per la Chiesa una, contro la quale il demonio o le potenze del male non prevarranno.

Preghiamo
. - Lettura biblica:

San Paolo (Efesini 4,1-6;)

[1]Vi esorto dunque io, il prigioniero nel Signore, a comportarvi in maniera degna della vocazione che avete ricevuto, [2]con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza, sopportandovi a vicenda con amore, [3]cercando di conservare l'unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace. [4]Un solo corpo, un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione; [5]un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo. [6]Un solo Dio Padre di tutti, che è al di sopra di tutti, agisce per mezzo di tutti ed è presente in tutti.


Giovanni 10,11-18.  

“Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore. Il mercenario invece, che non é pastore s al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge e il lupo le rapisce e le disperde; egli è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. E ho altre pecore che non sono di quest’ovile; anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore. "Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio”.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu