var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

POVERTA' - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

POVERTA'


Povertà: << Una maglia dall’intreccio sottile che in modo invisibile copre l’uomo, colui che nella vita cerca un vero amico, un fratello che sta oltre la vita. Dove nei momenti più oscuri l’amico si riveli, offrendogli l’unico e vero segno di fratellanza e amore, Cristo >>.

L’uomo, spesso, si spinge ha consumare la vita senza ricavarne frutto: ma appena decide d’indossare la maglia della povertà, ecco apparire colui che della povertà n’è il Re, “Cristo”. Non si può cancellare dal cuore di ognuno, lei, “Sorella Povertà”. Un abito di delicato vestire e di spontanea fattezza: deve sempre essere portato, perché trasmetta all’uomo la parola che vince il demonio, “amore e fratellanza”. Ogni volta che l’uomo si trova di fronte all’eucaristia, povero deve essere perché confessato e pentito dei suoi peccati, per quanto atroci possano essere stati.

Gesù è contento quando vede l’uomo cercare la via per diventare un figlio diletto e, abbracciare la povertà, l’umiltà dell’anima.  

Non esiste frutto dove la terra è arida, ma dove vivono sorgenti d’acqua pura e cieli azzurri: per gustare questa beatitudine, cerchiamo il “Cuore di Maria”.

La santità nasce dalla povertà, il mondo chiuso in se stesso non lo può capire.
I giorni della vita non contano, essi consumano l’età esteriore ma dentro di lei, tutto rimane fanciullo, se dimora Gesù.



 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu