var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

PER QUELLI CHE NON TI CHIEDONO MAI PERDONO - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

PER QUELLI CHE NON TI CHIEDONO MAI PERDONO


A Dio Padre

Dio, creatore di ogni cosa esistente sulla faccia della Terra, noi IN GINOCCHIO ti ripariamo le offese, tutte le offese che ti salgono dal mondo corrotto e ingrato, ripariamo: per noi e per ogni creatura, per quelli che non ti rivolgono MAI lo sguardo, che ti bestemmiano, che sputano sulla tua Santa Provvidenza, che pensano sia loro merito ogni cosa che posseggono, per quelli che vivono nella totale indifferenza di te, per quelli che antepongono ogni cosa terrena a Te, per quelli che, pur amando te non amano il loro prossimo e dividono così l'AMORE che Tu hai creato, per quelli che non riescono ad amare i loro crocifissori, per quelli che ti amano solo se concedi loro ciò che desiderano, per quelli che non ti amano più, se trattieni qualche Grazia chiesta, per quelli che pur amandoti di AMORE vero non sono capaci di esserti testimoni nelle opere, per quelli che fuggono il "FIAT VOLUNTAS TUA", per quelli che non si inginocchiano MAI, per quelli cui le campane nulla dicono, per quelli che non piangono mai.
E ora, dopo avere riparato il TUO TENERISSI MO CUORE, ti lodiamo SIGNORE, ti benediciamo, ti adoriamo. Ti ringraziamo con tutta la Creazione dei Cieli e della Terra, delle Acque, degli Abissi marini e sotto l'ultima terra e ti chiediamo perdono per la distruzione che ne fa l'uomo malvagio di tutta la tua splendida Creazione e chiediamo per dono alla stessa Creazione: dei Cieli, della Terra, Sottoterra, delle Acque degli Abissi marini impetrando per ogni uomo la tua Misericordia.  


 
Torna ai contenuti | Torna al menu