var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

Le virtù teologali - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le virtù teologali


San Paolo parla delle tre virtù teologali come tre elementi essenziali della vita cristiana.
Nei Tessalonicesi, invita questi ultimi ad indossare l’usbergo (veste di maglia di ferro) della fede e della carità, e l’elmo della speranza, e loda in essi l’opera della fede, la sollecitudine della carità, e la costanza della speranza.
Al contrario dei carismi che sono temporanei, la fede, la speranza e la carità rimangono.
Il loro compito è di unirci a Dio per mezzo di Gesù Cristo e farci partecipi alla vita divina.

  • La fede ci unisce a Dio, verità infinita, facendoci entrare in comunione con il pensiero divino, perché ci fa conoscere Dio come si è rivelato egli stesso, e così ci prepara alla visione beatifica.

  • La speranza ci unisce a Dio, beatitudine suprema, facendocelo amare come bene per noi; per lei fermamente e sicuramente aspettiamo la felicità del cielo, come pure i mezzi necessari per giungervi; per lei ci prepariamo già al pieno possesso della beatitudine eterna.

  • La carità ci unisce a Dio, bontà infinità, facendocelo amare come infinitamente buono e amabile in se e formando tra lui e noi una santa amicizia che ci fa vivere fin d'ora della sua vita, perché cominciamo ad amarlo come egli ama se stesso.


La virtù della carità è strettamente unita alle altre due virtù (fede e speranza): queste ultime sono imperfette senza la carità. Secondo San Paolo, la fede non è completa se non si manifesta con l’amore e con le opere. La speranza non è perfetta se non si pregusta la celeste felicità nel possesso  della grazia e della carità.  








 
Torna ai contenuti | Torna al menu