var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

LA VITA NELLA FEDE - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

LA VITA NELLA FEDE


La vita dell'uomo è un percorso che deve essere come il Signore chiede.
La Vergine Maria desidera che gli uomini si convertano, per raggiungere suo Figlio.

Il tempo cammina ascoltando e vedendo l'uomo preoccuparsi solo di trasformare sulla terra i desideri, trascinando così la sua anima verso l'oblio, dove la cecità dello spirito, si completa nella superbia.
Spesso, nel nostro camminare nella vita trascuriamo un particolare: due sono le strade che si percorre, " quella visibile, il cammino quotidiano e quella invisibile che solo gli occhi dello spirito vede, cioè della fede.

Una sola parola di lode verso il Signore, ringrazia il cuore di amarlo tanto. Non deve cedere la persona che ha un pensiero radicato nella fede, una fede a ragion veduta più splendida del sole.
Ogni uomo pensi alla fede: un germoglio che ha bisogno di cure nell'amore,  perché egli si lascia andare alle mani che lo curano.

Cosi l'uomo deve fare:
"Egli prenda la fede, prenda l'anima ed insieme unisca quel credo che solo il Signore può ascoltare. L'uomo ha come strada la Madonna che lo vuole accompagnare verso la dimora eterna".

Maria! Maria!

Quale nome più possente d'amore è mai questo.

"O mia dolce Signora nonché madre mia:
Prendimi tra le braccia e svezzami come in piccolo pargolo,
tienimi tra le braccia e non lasciarmi mai".

Ogni tempo ha la sua dimensione: la dimensione in cui gli angeli si possono prendere cura della vita dell'uomo basta invocarli, e loro come docili servitori albergano attorno all'anima. La loro luce è presenza divina, è attesa: cercano la qualità dell'uomo in cui loro sono stati posti come custodi.

Non si può pensare che la terra possa allontanare la voce di Dio.
La terra è una creatura nata, partorita dalla creazione. L'uomo deve comprendere lo stato delle cose, non può chiudere la porta della felicità eterna: per cercare quella via che lo condurrà verso il baratro.

Si deve cercare di assomigliare sempre di più a Gesù, egli è l'impronta dell'anima, egli trascina l'uomo verso un compendio di solo amore.

Non può capire l'uomo se è cieco e sordo, non può comprendere la vita del cielo; quel cielo che distribuisce ogni possibile forma di dono. Quel cieco, quel sordo non possono capire perché hanno scelto la via dell'Insoluto Fine, il nulla. Egli assorbirà la materia e lo spirito come un buco nero.

Sia fatta sempre la volontà di Dio, sia nel cielo che nella terra!

GUARDIAMO CON FEDE SINCERA VERSO IL PROFONDO CIELO, DOVE LA LUCE NON E' LUCE COMUNE, DOVE LA TERRA E' UN AMMASSO DI STELLE, DOVE LA PAROLA E' VERITA', QUELLA VERITA' CHE UNISCE TUTTE LE ANIME VESTITE DI BIANCO.




 
Torna ai contenuti | Torna al menu