var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

LA SAPIENZA - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

LA SAPIENZA

LO SPIRITO SANTO


La sapienza è il dono che ci arricchisce di due cose.
La prima è il gusto del creato e del suo creatore: Dio. La parola <<sapienza>> deriva, infatti, dal latino <<sàpere>>: <<avere sapore, essere gustoso>>. Grazie a questo dono, assaporiamo la natura, ne ammiriamo la bellezza; sentiamo Dio nel mormorare delle foglie, lo vediamo nel brillare delle stelle…..
Con il dono della <<Sapienza>> anche l’esistenza più modesta e nascosta trova meraviglie in tutto e diventa essa stessa meravigliosa.
Chi ha il dono della <<Sapienza>> non solo assapora il creato, ma lo legge anche ed impara da esso.
Un grande monaco inglese del Medioevo, Isacco della Stella, diceva: <<Questo mondo serve l’uomo in due modi: nutrendolo e insegnandogli>>. In realtà, è possibile che lo Spirito Santo abbia progettato infinite cose solo per il nostro piccolo stomaco e non anche per la nostra grande anima?
Tutto è pieno di allusioni, di messaggi. Chi ha il dono della <<Sapienza>> li coglie e impara: impara, ad esempio, dal fiore che rallegra e profuma senza intaccare il silenzio; impara dall’alba che continua a nascere anche se nessuno assiste allo spettacolo; impara dall’acqua che non si ferma mai; impara dalle betulle che vivono a grappoli; impara dai girasoli a rincorrere la luce; impara dai passerotti la preghiera della sera; impara dagli alberi che muoiono in piedi….
Il secondo regalo del dono della <<Sapienza>> è quello di aiutarci a distinguere il bene dal male.
Il re Salomone divenne <<sapiente>> proprio in forza di esso: <<Signore, così pregava, io sono un ragazzo, non so come regolarmi: concedimi un cuore docile perché sappia distinguere il bene dal male>> (1Re 3,7-9).
Il dono della <<Sapienza>>, dunque, è il dono che illumina il cuore, il dono della luce interiore. Grande dono! Un proverbio ebraico dice:<<Il saggio capisce con una strizzatina d’occhio, ma per lo sciocco ci vuole un pugno>>.
Ancora più in profondità, il dono della <<Sapienza>>è il dono che ci dà la patente per la vita, perché ce ne spiega il senso!
Per questo, tra tutti, forse è il più urgente. Lo scrittore francese André Frossard, poco prima di morire diceva con forza: <<L’uomo ha acquistato più potere che sapienza; se non si converte per tempo, sarà il maiale a scrivere il seguito della sua storia>>.
A ben pensarci Frossard. Tutte le invenzioni dell’uomo d’oggi sono state fatte per dilatare il corpo: la televisione è la dilatazione dell’occhio, l’automobile la dilatazione delle gambe, il telefono la dilatazione dell’orecchio……
Ad un corpo così dilatato non è corrisposta una pari dilatazione dell’anima, una pari illuminazione interiore che ci indichi come servirci di tante meravigliose scoperte.

Allora, vieni Santo Spirito e donaci la sapienza. La scienza non basta.
La scienza ci dice quel che è possibile, la sapienza quel che è lecito.
La scienza guarisce le mani, la sapienza ci insegna ad usarle.
La scienza prepara cuori artificiali, la sapienza cuori saggi.
La scienza ci fa potenti, la sapienza ci fa uomini.
Vieni Spirito Santo: donaci la sapienza!
È vero che senza la scienza la vita si arresta, ma senza la sapienza si imbarbarisce.
Donaci la sapienza
senza  sapienza la terra genera mostri.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu