var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

L’INTELLETTO - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

L’INTELLETTO

LO SPIRITO SANTO


Il dono dell’intelletto aiuta a non essere superficiali, ma ad arrivare al cuore selle cose.
<<Intelletto>> viene dal latino <<intus-legere>>: penetrare in profondità.
Lo Spirito <<scruta ogni cosa, anche le profondità di Dio>> (1 Cor 2,10).

In un mondo in cui la mania esibizionistica contagia tutti, perfino i bambini della scuola materna; in un mondo in cui si può anche essere ladri…....ben venga il dono dell’Intelletto a farci intelligenti. Sì, potrebbero benissimo essere nati dal dono dell’Intelletto queste tre saggi proverbi: <<vesti una fascina e ti sembrerà una regina>>; <<vesti uno zuccone e ti sembrerà un barone>>; <<la damigiana vuota fa più rumore di quella piena>>.
Non bisogna cadere nella trappola di chi sostiene che essere belli è un dovere. Essere belli non è un dovere; dovere è essere luminosi. Si può essere per nulla belli, ma immensi dentro. Madre Teresa di Calcutta aveva una faccia rugosa, ma aveva un cuore più ardente e più fascinoso dei più affascinanti cultori del look.

Ecco il dono dell’Intelletto dono della profondità contro la superficialità; dono dell’essere contro l’apparire.
Il dono dell’Intelletto ci abilita a capire la Bibbia, la Parola di Dio ci guida alla verità tutta intera, secondo la promessa di Gesù che già conosciamo: Quando verrà lo Spirito di verità, egli vi guiderà alla verità tutta intera (Gv 16,13).
Il dono dell’Intelletto desta la nostra fede, ci fa sapere che Gesù è Dio: <<Nessuno può dire "Gesù è il Signore" se non sotto l’azione dello Spirito Santo>> (1 Cor 12,3).

Vieni, Spirito Santo,
raggiungimi col dono dell’Intelletto.
Fammi capire che la cellulite non è un’onta
che è meglio mettere in mostra il cervello che la pelle.
Fa’ che no confonda la statura con la levatura,
che non giudichi le persone dalla piega dei pantaloni.
Dammi <<Intelletto>> per ricordarmi che
l’apparire non è decisivo:
se bastasse l’apparire, la rosa dovrebbe
fare la minestra meglio del cavolo.
Ma, soprattutto, dammi le misure di uomo
Metti il metro attorno al cuore,
non attorno alla vita.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu