var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

L’APOSTOLO PIETRO: " SIA FATTA LA MISERICORDIA DI DIO" - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

L’APOSTOLO PIETRO: " SIA FATTA LA MISERICORDIA DI DIO"





















Entrate.
Solo nel silenzio e nell'armonia dello Spirito incuteremo timore alla morte e faremo si che lasci il corpo di nostro fratello.

"Adagiatelo su questo marmo e allontanatevi: fuori il mondo si agita sulla vita senza Dio, non sanno di morire definitivamente in questa vita forsennata, non vogliono rimanere sani né di corpo né anima, e così con la morte tutto sarà gettato nell'antro dell'oscurità eterna. Ora fratelli cari, come apostolo del Signore: daremo forza alla nostra voce perche l'anima di questo fratello possa il cielo farla ritornare in questo corpo. La forza dello Spirito Santo entrerà per quella piccola finestra per poi risvegliare questo fratello. Ora mi accingo su questo altare ricavato dalla pietra, a celebrare la S. Messa".

L’apostolo Pietro durante l’invocazione allo Spirito Santo rimane completamente riverso con il viso sulla croce, e ogni quel tanto guarda il cielo tramite la piccola finestra che si trova sopra l'altare. Terminata la preghiera si porta dietro il corpo per non perdere di vista la piccola finestra e la croce, posta tra il corpo e la finestra


"Fratelli ammirate la forza della misericordia del Signore nostro e maestro Gesù.
Egli ci dimostra che la morte è stata sconfitta con la stessa Risurrezione. Ora fratelli con il mandato datomi  da Gesù intervengo sulla morte di costui".

Ap. Pietro alza le braccia invocando lo Spirito Santo:

"Alzati nel nome di Dio Creatore e per il potere datomi da Cristo Gesù, e  nella luce dello Spirito Santo ti ordino di alzarti".
Dopo alcuni attimi un raggio di luce entra dalla piccola finestra illuminando il corpo del poveretto coprendolo completamente nello stupore di chi assiste. Dopo alcuni minuti lentamente il corpo comincia a muoversi aprendo gli occhi e ad alzarsi dal freddo marmo. L'uomo appena in piedi, guarda la luce che in quel momento si ritira dissolvendosi. I presenti si inginocchiano ringraziando Dio, mentre Pietro appoggia le mani sulla spalla del risuscitato, baciandolo due volte.
Sempre Pietro prima di allontanarsi impartisce la comunione e al termine li benedice.
Lascia alle sue spalle un luogo Santo, dove la misericordia ha donato la sua testimonianza.

Caro fratello e sorella in Gesù:
La morte non è per un figlio di Dio.
Iddio dona l'impossibile, la sua misericordia non ha limiti.

L’uomo deve saper chiedere con umiltà, ma soprattutto saper amare Dio ed accettare la sua volontà.

SIA FATTA LA MISERICORDIA DI DIO.


(Moreno)


 
Torna ai contenuti | Torna al menu