var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

INTRODUZIONE - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

INTRODUZIONE




Il Crocifisso é la testimonianza viva e concreta dell’infinito amore di Dio: <<Egli mi ha amato ha dato la sua vita per me» (Galati 2, 20).
<<Il cristino, dice S. Antonia di Padova, deve appoggiarsi alla Croce di Cristo, come il viandante si appoggia al bastone quando intraprende un duro viaggio. Deve aver ben impressa nella mente e nel cuore la Passione di Cristo, perché soltanto da tale sorgente deriva la parola della vita e della pace, della grazia e della verità>>.
Uno dei modi tradizionali più belli per meditare sulla passione e morte di Cristo, e la Via Crucis, un esercizio oramai consacrato dalla pietà cristiana, e che ha dato tanti frutti di contemplazione e di rinnovamento interiore.
La Via Crucis e l’itinerario doloroso che Gesù percorse durante la sua Passione, da Gerusalemme al Calvario; ma e anche l’itinerario simbolico del nostro peccato. Per questo motivo la Via Crucis meditata è vissuta, presentandoci il Salvatore carico delle nostre colpe, suscita in noi pentimento e desiderio di liberarci dai nostri peccati per i meriti di lui.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu