var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

INTRODUZIONE - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

INTRODUZIONE


Dolcezza di una preghiera; lei ti prende il cuore e non ti lascia più. Una corona di puri diamanti in cui si specchia il cuore della persona che li sgrana.
Una corona che l’Immacolata Vergine ha desiderato donare all’uomo per la crescita e la protezione nella fede. Mirabile invito a crescere nel nome di suo Figlio Gesù. Lei stessa assieme agli apostoli, dopo la morte di Gesù, ripercorreva i momenti, la vita di suo Figlio. Una preghiera che fortifica il cammino nella fede, che sbaraglia ogni tentazione: pregarla con il cuore è una corona di ricchezza infinita in quella salvezza che è "la vita eterna".
Una corona composta dai Misteri "Gaudiosi – Dolorosi – Gloriosi – Luminosi.
Misteri in cui vi è la vita di Gesù. Pregando con questa corona ci si porta a camminare affianco a Gesù e Maria. Quale meraviglia può essere trovata nel mondo se non nella preghiera del Rosario; la mamma del cielo la donata all’uomo perché trovi quella luce per arrivare alla salvezza.
In più "la Mamma del cielo", ci invita a recitare il rosario sempre, ogni giorno, per ogni circostanza.
Bene: "Apriamo nell’amore il cuore, un cuore che deve essere unito al Signore Dio Creatore e insieme alla Vergine, camminiamo fiduciosi verso la patria del cielo.
Recitiamo il Rosario in modo fervente; ogni grano sia un prezioso da tenere con cura, sgraniamo lentamente con il cuore pieno d’amore per Maria e in lei versare ogni intenzione perché la misericordia di Dio non può negarsi, di fronte a Maria Vergine.    
In qualunque luogo ti trovi, non lesinare prendi la corona e recita il rosario.
Portalo sempre con te, come il più prezioso oggetto che l’uomo abbai mai avuto.

MORENO


 
Torna ai contenuti | Torna al menu