var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

IL SEGNO DELLA CROCE - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL SEGNO DELLA CROCE


A volte si fa il segno della croce senza pronunziare le parole, come fanno alcuni prima di mangiare o passando davanti a una chiesa o davanti a un funerale, ma ciò è un modo molto imperfetto di fare il segno della croce, perché il suo significato principale sta nelle parole che si pronunziano, mentre ci si segna con il gesto della croce.

Perché è tanto importante la pronunzia del "Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo", mentre ci segnamo col segno della croce?  Perché con queste parole indichiamo il senso di comunione profonda con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, e di vicinanza con Lui, che c’è tra noi credenti e Dio.


NOME DL PADRE

Quando io mi segno sulla fronte, dicendo: Nel  Nome del Padre, indico il luogo dove il Padre, sorgente  della Divinità e di tutti i suoi attributi, ha messo la sua  dimora: all’interno della mia mente, di cui la fronte rappresenta il luogo fisico. La mente è posta in alto nell’uomo per indicare la sua parte più importante. E’ come la  corona del re, che, posta sul suo capo, indica la sua regalità. Il segnarsi sulla fronte, mentre si dice: Nel Nome  del Padre, significa che la nostra mente crede e si sottomette a Dio e vuole operare alla sua luce.

DEL FIGLIO

Quando mi segno al centro del petto, dicendo: del  Figlio, indico che là dimora il Figlio, pronunziando il suo  Nome. Il centro del petto è simbolo del cuore dell’uomo,  del suo seno, dove si raccolgono tutte le energie vitali dell’uomo, mentali, psichiche e fisiche. Il cuore insieme con la mente  costituisce l’uomo nella sua realtà interiore, mentre il  corpo rappresenta l’uomo esteriore. Nella Santissima Trinità il Figlio è la Sapienza che è generata dal Padre come  sua immagine e dimora nel suo seno. Per questo il seno  dell’uomo, equivalente al suo cuore, richiama il luogo  dove il Verbo di Dio, suo Figlio, ha messo la sua abitazione nell’uomo.        

E DELLO SPIRITO SANTO

Infine, dicendo: e dello Spirito Santo, indichiamo lo  Spirito Santo, segnandoci sulle spalle. Perché questo  segno? Le spalle sono simbolo di attività e di forza. Dalle  spalle partono le braccia con cui l’uomo lavora. Dalle  spalle partono le ali dello Spirito Santo, simbolo delle  forze spirituali che ci muovono, quando noi siamo mossi e  guidati dallo Spirito Santo. Queste ali sono due ed indicano l’adorazione e l’amore di Dio, che sono le più importanti attività dello Spirito Santo, con cui ci uniamo con il  Padre e il Figlio.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu