var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

Il Rosario deve essere meditazione - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Rosario deve essere meditazione


Il Rosario non è solo preghiera vocale, è anche preghiera mentale. Chi lo recita deve riflettere. Proprio per questo al principio di ogni posta viene annunciato un mistero, uno dei fatti più importanti della vita di Gesù e della Madonna.
Il Rosario ricorda il dovere e la necessità della meditazione. Chi non medita non progredisce nella vita spirituale e facilmente cade in peccato. Le convinzioni si maturano con la riflessione.
Pochi meditano. Si segue il mondo che porta al chiasso e alla distrazione. Specialmente oggi con la vita moderna, dinamica e agitata, manca il raccoglimento. Le anime non sanno isolarsi, non amano il silenzio. Il Rosario offre un’occasione propizia per riflettere, richiama l’attenzione sulla vita di Gesù e di Maria e suscita buoni pensieri santi affetti. Il Rosario senza la meditazione dei misteri è come un corpo senz’anima. Perciò, annunciato il mistero è bene fare una breve pausa di silenzio per la riflessione.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu