var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

IL FUOCO: SIMBOLO DELLO SPIRITO SANTO - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL FUOCO: SIMBOLO DELLO SPIRITO SANTO

LO SPIRITO SANTO


Il fuoco è la seconda principale immagine dello Spirito Santo.
Sempre nella sera della Pentecoste, gli Apostoli che, come abbiamo detto, si trovavano tutti insieme, oltre a sentire un vento gagliardo, videro anche <<lingue come di fuoco che si dividevano e si posavano su ciascuno di loro>> (At 2,3). In quel momento <<furono tutti pieni di Spirito Santo>> (At 2,4).

IL FUOCO ILLUMINA
Lo Spirito Santo è luce. Gesù promette: quando verrà lo Spirito Santo <<vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto>> (Gv 14,26); <<vi guiderà alla verità tutta intera>> (Gv 16, 13).
Due doni dello Spirito Santo fanno riferimento alla luce: la <<Scienza>> e l’<<Intelletto>>.
Aver paragonato lo Spirito Santo alla luce, ecco evidenziarsi tre realtà: la vita – la salute – la gioia.

LA LUCE È VITA
Senza luce non ci sarebbe vita: le piante, i fiori, gli animali, morirebbero tutti.
Escono alla luce i più piccoli animaletti della terra, rintanati nei loro rifugi.
Potenza della luce! Il grande scrittore tedesco Johann Wolfgang Goethe esclamava: <<Quanto tumulto è la luce!>>. La luce è tumultuosa perché mette in moto l’immenso mondo della vita vegetale, animale, umana.
Anche lo Spirito Santo è datore di vita. ha dato vita a Gesù in Maria; ha dato vita alla prima comunità cristiana, alla prima Chiesa; darà vita anche a noi: <<Se lo Spirito di colui che ha risuscitato Gesù dai morti abita in voi….darà la vita anche ai vostri corpi mortali per mezzo del Suo Spirito che abita in voi>> (Rm 8, 10-11).
I 150 padre conciliari che han definito lo Spirito Santo <<Signore che dà la vita>> (hanno usato il termine <<zoopoion>> che, letteralmente, significa <<colui che costruisce con le sue mani la vita). Ancor oggi, tutte le volte che recitiamo il <<Credo>>, diciamo: <<Credo nello Spirito Santo che né il Signore e ci dà la vita>>.

LA LUCE È SALUTE
La luce guarisce.
Lo Spirito Santo è il medico delle nostre anime: <<sana ciò che sanguina, bagna ciò che è arido, lava ciò che è sordido>>, preghiamo nella festa della Pentecoste. Lo Spirito Santo è il <<Consolatore>>, ci garantisce Gesù (Gv 15,26).

LA LUCE È GIOIA

Il profeta Isaia diceva: <<Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce; su coloro che abitavano in terre tenebrose, una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia>> (Is 9,1-2). Il simbolo dello Spirito Santo come fuoco che illumina ci ricorda perciò la grande verità: tutti dipendiamo da Dio in tutto: anima e corpo.

IL FUOCO LIBERA
Lo Spirito Santo distrugge ciò che è negativo.
Ad esempio,  distrugge i <<ma>>: <<Vorrei…ma>>; <<sarebbe bello….ma>>.
Distrugge i <<se>>:<<Se avessi…>> <<se vivessi in un altro ambiente….>>. Distrugge gli <<uffa!>>; distrugge, soprattutto, gli sbagli che han fatto più male agli uomini di tutte le sigarette del mondo!
Il fuoco dello Spirito Santo trasforma i <<ma>> in <<voglio>>; i <<se>> in <<sì>>: <<Sì accetto quel che ho e mi impegno a sfruttarlo>>.
Liberato dalle scorie dei <<ma>>, dei <<se>> e degli <<uffa>>, l’uomo, giorno dopo giorno, attacca la vita e muore in salita!

IL FUOCO FONDE INSIEME ELEMENTI DIVERSI
La Chiesa prega lo Spirito Santo con queste parole: <<Il fuoco ci unisca in un’anima sola>>.
Lo Spirito Santo ricorda che non basta stare <<accanto>>, gli uni agli altri, occorre stare <<insieme>>. Solo gli uomini possono vivere <<insieme>>: un cuor solo ed un’anima sola.
Il poter vivere <<insieme>>: è tra le più belle ricompense d’esser uomo.
Quando si vive <<insieme>>, tutta l’aria cambia: si è più sereni, più leggeri, più forti.

IL FUOCO PIEGA CIÒ CHE è RIGIDO. È FORZA E POTENZA
Il <<Catechismo della Chiesa Cattolica>> è esplicito: <<Il fuoco simboleggia l’energia trasformante degli atti dello Spirito Santo>> (n. 696)
Il fuoco è potente, ma lo Spirito Santo è più potente ancora. La sua potenza, infatti, è una potenza interiore che nasce dalla fede e dalle convinzioni. Tale potenza porta a sfidare il mondo e ad accettare persino la morte. Un esempio di tale potenza si è visto subito alla prova negli Apostoli i quali, dopo Pentecoste, son diventati coraggiosi nel parlare (At 4,31), entusiasti nel fare, tenaci nel perseverare, fino al martirio.

IL FUOCO RISCALDA
Lo Spirito Santo  scalda: <<scalda ciò che è gelido>>, dice la preghiera, tanto poetica quanto profonda, che la Chiesa eleva, appunto, allo Spirito Santo nel giorno della festa di Pentecoste.
Un’altra invocazione dice: <<Vieni, Spirito Santo, riempi i cuori dei tuoi fedeli, accendi in essi il fuoco del tuo amore>>.
Lo Spirito Santo è lo Spirito dell’Amore.
Lavora i cuori e li trasforma: <<Vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo: toglierò da voi il cuore di pietra e vi darò un cuore di carne.
Porrò il mio Spirito dentro di voi e vi farò vivere>> (Ez 36,26-27).
Lo Spirito Santo è il grande, urgente rimedio a tutti i cuori di plastica che oggi raffreddano il mondo e gli impediscono di girare dalla parte giusta.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu