var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

IL CAVALIERE - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

IL CAVALIERE


Il cavaliere appoggiato al suo sovrano scudo,
contempla nell’armeggiar delle armi.
Nel fresco mattino egli arriva a cavallo nella distesa fiorita,
sceso, i suoi passi son dolci nel tirar il suo grandioso destriero.

Nel guardare quel campo fiorito il profumo assale la sua armatura,
gli sembra di scorgere tante fanciulle che chinate in quell’esile erba
sembra che lo chiamano a tener loro compagnia.

Il cavaliere avvolto da tristezza ricorda la guerra che ha combattuto,
e nelle gesta ha vinto; ma ancora di più i pensieri lo tengono stretto al suo dolore,
la tristezza lo porta a non vedere più la sua amata fanciulla.

Nel chinar si porta per ammirar i fuori di quel campo,
dove il profumo d’incanto lo riportano a riveder la sua amata.

Il cavaliere nella tristezza una lacrima fa scendere sul quel campo fiorito,
lacrima poi raccolta dal suo fiore preferito che lo guarda con amore.
Nel vigore di quella lacrima il fiore crescer fa verso di lui,
allargando i suoi petali e nel profumo avvolgere il cavaliere triste.

Il ricordo l’assale ancora per la fanciulla amata,
dove tanta è la voglia di correre in quel prato verso la sua ricerca.

Porger fa lo sguardo su quel fiore per capir quanto amore,
ma nel pensiero non si accorge che il fiore prende forma
e nella fanciulla lui appare.

Il cavaliere lascia il suo scudo e con esso l’armatura,
i ricordi abbandona in codeste sue armi per guardar la fanciulla da lui tanto amata.
Prendendola per mano corrono lungo quel prato soffermandosi tra i fiori,
quei profumi che avvolgono il loro amore.
Baciandosi nell’amore si son ritrovati,
e nell’amore vivranno felici.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu