var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

Giovanni Paolo II - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giovanni Paolo II


<<Sull'esempio di San Paolo e delle prime comunità, é urgente sviluppare le occasioni di dialogo con i nostri contemporanei, soprattutto nei luoghi in cui é in gioco il futuro dell'uomo e dell'umanità... Gli areopaghi che sollecitano oggi la testimonianza dei cristiani sono numerosi; vi incoraggio a essere presenti nel mondo; come il profeta Isaia, i cristiani sono posti quali sentinelle in cima alla muraglia, per discernere le sfide umane delle situazioni presenti, per percepire nella società i germi di speranza e per mostrare al mondo la luce della Pasqua, che illumina di un nuovo giorno tutte le realtà umane"

Giovanni Paolo II il, 5 maggio 2001  


<< Fratelli e sorelle, leviamo lo sguardo verso la Croce di Cristo... La vostra appartenenza alla Chiesa deve essere per voi e per tutti i vostri fratelli e sorelle un segno di speranza che ricorda che il Signore raggiunge ciascuno sul suo cammino, spesso in modo misterioso e inaspettato, come ha raggiunto Paolo sulla via di Damasco, avvolgendolo nella sua fulgida luce >> .

Giovanni Paolo II, 6 maggio 2001

 
Torna ai contenuti | Torna al menu