var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

Gesù innalzato e morto in croce - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gesù innalzato e morto in croce


Ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo.
Perché con la tua Croce hai redento il mondo.

Ecco già immolata la vittima, già compiuto il gran sacrificio, già eseguita la volontà dell’Eterno Padre. Ecco il Figlio di Dio sull’altura del Golgota, confitto in croce, fatto spettacolo compassionevole al cielo, alla terra, agli elementi. È morto il mio Gesù, è morto. Quei lividi occhi santissimi, quelle labbra spiranti, quelle spine, quei chiodi, quelle piaghe, quell’aperto costato, quel sangue, sono tutte fonti di misericordia. Ma intorno a quella croce io vedo, con la spada in mano, ancora la Giustizia! Me infelice, se ostinandomi nel mio peccato, facessi vana l’opera della mia redenzione! No, mio Gesù, non mi lasciare partire dal Calvario, senza imprimermi nel cuore l’amarissima tua passione. Fa che, temendo la tua giustizia, viva e muoia nelle tue piaghe, nella  tua misericordia.

Padre nostro, Ave Maria e Gloria.

Santa Madre, deh! Voi fate,
che le piaghe del Signore
siano impresse nel mio cuore.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu