var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

Corri uomo corri - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Corri uomo corri



Corri uomo corri, corri senza fermarti lungo quella breve strada che è la vita, per cercare quello che in realtà
non hai. Corri alla ricerca di quegli appagamenti terreni per soddisfare le tue voglie morbose, a volte cattive e
nell’ottenere quello che desideri cerchi anche la via della malvagità. Corri uomo, tu sei nato per correre, per
consumare i giorni che il destino ti ha concesso. Fermati un attimo e riposati, siediti, bevi un bicchiere d’acqua
per dissetarti, fatto ciò guarda in su, si perché tu finora hai sempre guardato davanti a te per raggiungere quel
qualcosa, oppure guardare piedi perché non inciampassero. Devi guardare in su come ti ho detto pocanzi;
Devi riflettere e porti delle domande:
Nella corsa sto consumando energie, e a quale scopo?
Sono sicuro di arrivare a quel traguardo che è un mio ideale?
Se arrivo a quel traguardo, sono poi sicuro che otterrò soddisfazione?
Sarò appagato per il resto dei miei giorni?
Se al termine della corsa pur arrivando al traguardo, ti accorgi che non n’è valsa la pena, hai solo
consumato energia, e ti sei invecchiato. Vorresti tornare indietro ma le forze non le hai più e devi abbandonare.
Nella tua mente crolla tutto come un castello di carta, assalendoti la disperazione. Può succedere che a quel
traguardo ci arrivi con successo, che la tua corsa abbia dato i frutti sperati, ma analizza questa cosa sofferta:
Hai ottenuto il traguardo con onestà? Questa corsa; perché possa essere meno faticosa spesso si utilizza la
parola " disonestà ". Ritorniamo al tavolo dove stai ancora dissetandoti: il sudore ti scende dalla fronte,
e con lo sguardo stai guardando il cielo.
Ora poniti queste domande:
Io uomo che sono su questa Terra, come ci sono arrivato?
Cos’è quella forza della natura che mi ha fatto nascere?
3) Chi mi fa vivere, mi fa respirare, mi fa muovere?
4) Con quale principio o meccanismo, io faccio tutto questo?
Ti posso solo dire una cosa; rifletti pensando a queste poche cose:
In realtà c’è una forza chiamata Dio che ti ha creato, e ti continua ad assistere nel bisogno.
Che da questa forza tu puoi ottenere di tutto, arrivare a quel traguardo senza stancarti e senza
correre, ottenendo il massimo del successo " la Vita Eterna ".
Parola grande per te uomo, ma può diventare piccola come una goccia di quell’acqua che ora stai bevendo
per dissetarti dalle fatiche. Sai uomo come si fa ad avere in mano questa forza? Vivere la vita tranquilla
senza correre, assaporare tutto quello che ti circonda e fermarti a quel tavolo per dissetarti non dalla
fatica che hai fatto, ma per sapere di entrare a conoscere quella forza che è Dio. Come diventare suo amico,
e un suo fedele servitore, per conquistare la sua fiducia ed avere da lui quel bene e quell’aiuto per arrivare
al traguardo, che è la porta del Paradiso.
Sai qual è la formula? Pregare e affidarsi a lui.    


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu