var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

Chi segue me non cammina nelle tenebre - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi segue me non cammina nelle tenebre


<<Chi segue me non cammina nelle tenebre>> (Gv 8,12), dice il Signore.
Sono parole di Cristo, le quali ci esortano a imitare la sua vita e la sua condotta, se vogliamo essere veramente illuminati e liberati da ogni cecità interiore. Dunque, la nostra massima preoccupazione sia quella di meditare sulla vita di Gesù Cristo.
Già l’insegnamento di Gesù Cristo è eccellente, e supera quello di tutti i santi; e chi fosse forte nello spirito vi troverebbe una manna nascosta. Ma accade che molta gente trae un ben scarso desiderio del Vangelo dall’averlo anche più volte ascoltato, perché è priva del senso di Cristo.  Invece, chi vuole comprendere pienamente e gustare le parole di Cristo deve fare in modo che tutta la sua vita si modelli su Cristo.
Che ti serve saper discutere profondamente della Trinità, se non sei umile, e perciò alla Trinità dispiaci? Invero, non sono le profonde dissertazioni che fanno santo e giusto l’uomo; ma è la vita virtuosa che lo rende caro a Dio. Preferisco sentire nel cuore la compunzione che saperla definire.
Senza l’amore di Dio e senza la sua grazia, a che ti gioverebbe una conoscenza esteriore di tutta La Bibbia e delle dottrine di tutti i filosofi? <<Vanità delle vanità, tutto è vanità>>, fuorché amare Dio e servire lui solo. Questa è la massima sapienza: tendere ai regni celesti, disprezzando questo mondo.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu