var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

9° giorno - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

9° giorno


Eccomi, o cara Santa Rita, al termine di questa sacra novena. Il mio cuore si senta rianimato per essere ricorso a te nel momento angoscioso in cui si trova. Sono sicuro cha hai ottenuto da Gesù la grazia cha ho chiesto, ma se ancora non fosse così, alzo ancor più la mia voce e ti domando pietà e misericordia. O Santa Rita, fa’ cha non mi allontani dal tuo cospetto senza essere stato consolato, fallo per la tua sofferenza, per la carità cha hai avuto verso i poveri tribolati, per l’amore cha hai portato a Gesù e a Maria sua Madre Immacolata, par il dono che hai avuto della spina del Signore. Aiutami, soccorrimi. È l’ultimo grido cha io lancio a te, Santa dagli impossibili, avvocata dei casi disparati. Mostrati veramente quale sei e ottienimi la grazia cha ho chiesto. Con il tuo aiuto propongo di cambiare la mia pessima vita, di essere l’apostolo dalla divina Bontà a Potenza, di recarmi al tuo Santuario di Cascia, di concorrere al tuo culto, in ringraziamento del favore celeste cha ho ottenuto per tuo mazzo, dal nostro dolce Redentore Gesù.
- Pater, Ave, Gloria  


RESPONSORIO

Di Rita al nome fuggono
febbri, ferite e peste,
morbi, dolori, démoni e
grandine e tempeste.

Rit: Ai ciechi, ai sordi, ai mutoli.
Ai zoppi porgi aita: la prole implori,
e tornano i morti a nuova vita.

Non recan danno i fulmini,
né il terremoto o il fuoco:
lacci, perigli, insidie,
per te non han più: loco.

Rit: Ai ciechi, ai sordi, ai mutoli.
Ai zoppi porgi aita: la prole implori,
e tornano i morti a nuova vita.

Santa degli impossibili
la Spagna ti proclama:
t’ammirano altri popoli:
Cascia il tuo nome acclama.

Rit: Ai ciechi, ai sordi, ai mutoli.
Ai zoppi porgi aita: la prole implori,
e tornano i morti a nuova vita.

Al divin Padre a al Figlio
sia lode, gloria e onore;
lode per tutti i secoli
al sempiterno Amore.

Rit: Ai ciechi, ai sordi, ai mutoli.
Ai zoppi porgi aita: la prole implori,
e tornano i morti a nuova vita.


- Segnasti, Signore, la tua serva Rita
- con il sigillo della tua Carità e Passione.

PREGHIERA

O Dio che Ti degnasti di donare a Santa Rita tanta grazia che amò i nemici e nel cuore e sulla fronte portò i segni della tua Carità e Passione, Ti preghiamo, per i suoi meriti e la sua intercessione, di concederci la grazia di perdonare ai nostri nemici e di meditare i dolori della tua Passione, così che conseguiamo il premio da Te promesso, Tu che vivi e regni nel secoli dei secoli. Amen.  


 
Torna ai contenuti | Torna al menu