var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

5° giorno - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

5° giorno


<<Abbiate pietà di Me ed io avrò pietà di voi>>




La statuina miracolosa, dopo sette anni di abbandono fra i rottami, fu infine ritrovata da Padre Cirillo e riportata al suo antico onore. Ma al Bambino mancavano le mani ed Egli se ne lamentò con il religioso:
<<Abbiate pietà di Me ed io avrò piata di voi>>.
<<Randetemi le mie mani ed io vi concederò la pace>>.
<<Più voi Mi onererete, più io vi favorirò».
Tre incisi, tre promesse. Vediamo oggi la prima:

<<Abbiate pietà di Me ed io avrò pietà di voi».  


Gesù dopo la sua Risurrezione e la sua gloriosa Ascensione al Cielo non soffre più ma ciò non toglie che la nostra ingratitudine sia stata causa di maggior sofferenza alla sua santa umanità durante la sua vita terrena e specialmente durante l’agonia nell’Orto degli ulivi.
Si dice che Gesù soffre attualmente perché soffre nel suo Corpo mistico, la Chiesa, osteggiata, contraddetta, calunniata, perseguitata. Ogni attentato contro la sua Chiesa e una nuova passione, talvolta una vera crocefissione che si rinnova contro di Lui che ne è il Capo. Anche ogni attacco contro le membra dl questo Corpo mistico, che sono tutti i fedeli, è un attacco contro di Lui. Dunque, sotto la veste del poverello, dell’innocente, dell’afflitto, dell’apostolo, del sacerdote, noi troviamo sempre Gesù che soffre, che sente, che patisce, che salva, che distribuisce i suoi tesori di grazia.  
Disprezzare i poveri, scandalizzare gli innocenti, volgere le spalle agli afflitti, perseguitare gli apostoli, combattere i sacerdoti è un tentativo insano di offendere Gesù, di rinnovargli le più atroci sofferenze. Per questo Egli dice: <<Abbiate pietà di Me>> Anima devota, hai pietà di Gesù?... Lo soccorri nei suoi poveri con la pratica delle opere di misericordia? Che fai tu per la salvezza dell’innocenza, per la salvezza della gioventù cosi tentata al male? Sei animata dallo zelo per la gloria di Dio, per il trionfo della fede nelle anime? Partecipi alle opere di apostolato della tua parrocchia? Hai rispetto e amore per i sacerdoti, ministri di Gesù Cristo? Queste sono le opere che ti attireranno le benedizioni del Cielo, se le praticherai con amore, con prudenza, con costanza, anche Gesù avrà pietà di te. Pietà delle tue miserie, delle tue debolezze, delle tue imperfezioni, delle tue necessità, e verrà in tuo aiuto. Dunque, anima devota, davanti a te e aperta la porta, non hai che da entrarvi.  

PREGHIERA

Pietà di me, o Santo Bambino Gesù. A Te dedico i frutti della mia intelligenza, del mio cuore. Tutto quanto di buono io posseggo, tutto il bene che posso fare, voglio che tutto sia per la tua gloria, per la santificazione delle anime. O Gesù Bambino, dammi delle anime da ricondurre, da portare a Te. E Tu abbi pietà di me: consolami nella mia presente afflizione e donami tutte le grazie che mi sono necessarie. Sai bene quale è il favore che Ti chiedo: esaudisci dunque la mia domanda...

Santo Bambino Gesù, benedicimi.
- Pater, Ave, Gloria
Santo Bambino Gesù, ascoltami.
- Pater, Ave, Gloria
Santo Bambino Gesù, esaudiscimi.
- Pater, Ave, Gloria



 
Torna ai contenuti | Torna al menu