var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

27 Novembre - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

27 Novembre


LE INDULGENZE



Le indulgenze sono un mezzo prezioso per aiutare i nostri Defunti. Ma non sempre si conosce quali sono. Crediamo quindi utile fare un elenco delle principali indulgenze plenarie e parziali.

Indulgenze plenarie: - In tutte le chiese e oratori pubblici o, per quelli che ne usano legittimamente, semipubblici, si può acquistare il 2 novembre un’indulgenza plenaria da applicarsi soltanto ai Defunti.

Nelle chiese parrocchiali si può acquistare l’indulgenza plenaria due volte all’anno, cioè nella festa del Santo titolare e il 2 agosto, in cui ricorre la Porziuncola, oppure il altro giorno stabilito dal vescovo, la domenica antecedente o seguente.
Chi in punto di morte non possa essere assistito da un sacerdote che gli amministri i sacramenti e gli impartisca la benedizione apostolica con l’annessa indulgenza plenaria, purché sia debitamente disposto e abbia recitato durante la vita qualche preghiera. Per l’acquisto di tale indulgenza è raccomandabile l’uso del crocifisso. Questa stessa indulgenza in punto di morte può essere lucrata da chi nello stesso giorno abbia già acquistato un’altra indulgenza.  

Indulgenze parziali: Ricordiamo che queste indulgenze non hanno più nessuna determinazione di giorni o anni, come in passato, ma sono indicate semplicemente come "indulgenze parziali". Con queste indulgenze, il fedele può ottenere una remissione di pena temporale tanto maggiore quanto maggiore e il suo fervore e l’importanza dell’opera compiuta.
Chi usa devotamente un oggetto di pietà (crocifisso, croce, corona, scapolare, medaglia), benedetto da un sacerd0te qualsiasi, può lucrare un'indulgenza parziale. Se poi tale oggetto religioso e benedetto dal Papa o da un Vescovo, chi lo usa devotamente può acquistare anche l’indulgenza nella festa degli apostoli Pietro e Paolo, aggiungendo però la professione di fede con qualsiasi formula legittima.

ESEMPIO: Salvo per aver perdonato.
Mentre S. Margherita Maria Alacoque era maestra delle novizie le si presentò una pia giovanetta che non si dava pace per la sorte incerta del suo papa morto. La santa l’assicurava che suo padre era salvo. Ma la giovane:<<Volesse il cielo! Ma io so che il povero papà mio, per quanto buono, nutriva un odio mortale verso un suo nemico». E S. Margherita ad assicurarla che suo padre era ormai in Paradiso, come le aveva rivelato Gesù; anzi le diceva che tra qualche giorno sarebbe stata visitata da sua madre, dalla quale avrebbe avuto la certezza di ciò che egli aveva fatto in punto di morte. Dopo due giorni infatti la madre andò al monastero per visitare la figlia e le disse che il papà, mentre riceveva il santo viatico, avendo scorto che tra i presenti vi era colui dal quale aveva ricevuto tanti torti, lo chiamò a sé e gli perdonò generosamente l’affronto.
(Schouppe, Il Domma del Purgatorio, pag. 360)    

PREGHIERA: O Padre santo, che con il battesimo ci hai sepolti a somiglianza della morte del tuo Figlio e con lui ci hai risuscitati, fa’ che possiamo condurre una vita rinnovata, così da vivere sempre con Cristo anche dopo la morte corporale.


SUFFRAGIO: Se possiamo stasera facciamo un digiuno in suffragio di quelle anime che non hanno avuto nessuno che si sia ricordato di loro in terra e in Purgatorio.  


 
Torna ai contenuti | Torna al menu