var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

15 Novembre - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

15 Novembre


PERCHE SI FANNO VEDERE?



Chi di noi non ha sentito parlare di apparizioni, che si sono fatti vedere nel sonno e nella veglia, di spettri o fantasmi e di strani rumori, che ci hanno fatto aver paura. Di apparizioni di morti hanno parlato le storie, le cronache, i poeti, e anche la Sacra Scrittura. Ora, sono vere le apparizioni dei morti, o sono da rigettarsi tra le favole?
Esse sono vere, ne parla la Scrittura. Di apparizioni di morti parlano anche i padri delle Chiesa,  che certo non erano creduloni. Sant’Agostino lasciò scritto che i morti apparvero più volte ai vivi e mostrarono il luogo in cui furono seppelliti. San Tommaso vide coi propri occhi due anime del Purgatorio. Una volta vide l’ombra di sua sorella, morta nel convento di Capua, dove era badessa.

Di apparizioni di morti parlano le storie. Queste ci fanno sapere che quattrocento anni dopo1a battaglia di Maratona si udivano ancora, in quella località, dei gemiti o dei lamenti di soldati caduti in battaglia, e se ne vedevano le ombre. Nella pianura di Troia una notte furono veduti degli spettri, in uniforme di soldati, dai quali partivano canti misteriosi.  
Il duce dei Galli, Vergingetorice, dialogava nelle selve con le ombre dei soldati, caduti per la patria.

Ma perche si fanno vedere alcuni Defunti? Non certo per turbare la nostra quiete, ma per un fine santo. Si mostrano per farci comprendere quanto è grande la divina Giustizia, per infonderci il santo timore di Dio, e per ricevere da noi i suffragi. Alle volte e il demonio, che ci appare, chiedendoci dei suffragi; ma dal suo comportamento alla fine si manifesta per quello che è. E se talvolta nella veglia o nel sonno vediamo qualche anima del Purgatorio, preghiamo per essa! E una povera mendica, che viene a chiederci l'elemosina dei nostri suffragi; una mesta pellegrina, che vuole essere introdotta negli eterni giardini del Cielo.  

ESEMPIO: Un giovane misterioso.
Ecco come apparve un giorno un defunto a una povera donna. Viveva una volta a Parigi una povera domestica. Un giorno questa, licenziata dalla sua padrona, si aggirava per le vie della città in cerca di un lavoro, quand’ecco le si fa davanti un giovane, che così le parla: <<signorina, voi cercate un posto ebbene recatevi dalla signora N. in via N. e troverete da occuparvi». La giovane cameriera si reca in fretta dalla signora, dalla quale e stata indirizzata, e le dice: <<So che avete bisogno di lavorare, voi avete bisogno di una cameriera: mi ha mandato da voi un giovane». La signora, tutta meravigliata, le domanda: <<chi é questo giovane?» La cameriera, accennando a un ritratto, che pende da una parete, dice: <<ecco il giovane, che mi ha mandato qui>>. La signora manda un grido, dicendo: <<mio figlio, mio figlio ti ha mandato qui! Mio figlio, morto da due anni! Ebbene, tu resterai con me, non come una cameriera, ma come mia carissima figliuola>>.
(
Rossignoli: Le meraviglie del Purgatorio)  

PREGHIERA: O Dio, che nella tua onnipotenza fai risplendere Intorno a noi la luce benefica del sole e tante altre cose belle, fa’ che qualche volta possiamo vedere le anime dei nostri trapassati!
Che si possano presentare nella veglia o nel sonno, per deliziarci coi loro volti. E poi, fa’ che li rivediamo in Cielo, per cantarti tutti uniti melodiosi canti d’amore.
 
SUFFRAGIO: Cerchiamo quest’oggi di evitare ogni peccato, il suffragio di quelle anime, che forse fanno il Purgatorio intorno a noi.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu