var _gaq = _gaq || []; _gaq.push(['_setAccount', 'UA-33489517-1']); _gaq.push(['_trackPageview']); (function() { var ga = document.createElement('script'); ga.type = 'text/javascript'; ga.async = true; ga.src = ('https:' == document.location.protocol ? 'https://ssl' : 'http://www') + '.google-analytics.com/ga.js'; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(ga, s); })(); >

« Prenda la sua croce e mi segua » - LA PORTA DI LUCE

Vai ai contenuti

Menu principale:

« Prenda la sua croce e mi segua »

Santa Teresa d'Avila (1515-1582), carmelitana, dottore della Chiesa
Poesia : « En la cruz está la vida »

È la croce gioia e luce,
vita e via che al ciel conduce.
Sulla croce, d'ogni cosa
sta il Signore (At 17,24),
sta la gioia pur se gemi
nel dolore:
essa allieta di sua luce,
essa è via che al ciel conduce.
È una pianta da cui dolce
frutto pende:
e la Sposa che lo dice
se n'intende.
Piace molto al sommo Duce,
essa è via che al ciel conduce.
Essa ombreggia come olivo (Si 24,14)
questo suolo;
tempra l'olio che distilla
ogni duolo.
Essa l'alma mi seduce,
essa è via che al ciel conduce.
Pianta verde, sogno caro
della Sposa,
sotto cui col suo Diletto
si riposa (Ct 2,3):
tal la croce mi riluce,
essa è via che al ciel conduce.
Per chi il mondo e le sue offerte
fugge e aborre,
per chi gode in Dio ogni bene
sol riporre,
è la croce vita e luce,
essa è via che al ciel conduce.
Dacché l'unse col suo sangue
il Signore,
v'è la gioia nella croce,
v'è l'onore (Ap 4,11);
essa giubilo produce,
essa è via che al ciel conduce.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu